cenni biogas puglia greenergy impianti

L’esistenza di microorganismi è la premessa fondamentale di ogni processo di fermentazione, come dimostrò Louis Pasteur nel 1855. La scoperta di Pasteur introduce finalmente l’era dell’utilizzo di microorganismi nei sistemi tecnici dell’industria fermentiera. Si coniò il concetto di fermentazione. Verso il 1900 furono costruiti i primi impianti di scarico dell’acqua biologica in alcune città quali Berlino, Monaco e Parigi.

Nell’anno 1922 in Germania si inizia a utilizzare il biogas, che riproduce in scala tecnica le conoscenze fino ad allora recepite sulla formazione di metano biologico. Ne derivò lo sviluppo di cumuli di rifiuti da destinare agli impianti di depurazione. Fino al 1937 molte città avevano fatto del loro sito un’attività per il biogas. Agli inizi degli anno ’50 la produzione di biogas di alcune aziende agricole tedesche ha conosciuto, benchè per poco, un periodo florido. Circa 20 impianti funzionavano con più di 40 vacche da latte. Quando negli anni ’50 il petrolio divenne disponibile sul mercato a costi ridotti, gli impianti di biogas finirono presto nel dimenticatoio.

Solo dopo la crisi petrolifera degli anni ’70 si risollevò l’interesse per la tecnologia del biogas. Nel 1983 circa 15 aziende inserirono nella loro produzione gli impianti di biogas. Ciò portò in Germania ad attivare più di 100 impianti. Una tradizione mai interrotta nella produzione di biogas nei depositi di impianti di depurazione dagli inizi degli anni ’30 portò ad un’innovazione in questo comparto cosicchè oggi molti impianti di depurazione producono energia necessaria per il processo per lo più in questa maniera. Ma anche il numero di impianti agricoli iniziò a salire ininterrottamente.

La produzione di energia da fonti rinnovabili è un fattore di primaria importanza per la riduzione delle emissioni da gas serra. L’impiego di biomassa quale fonte di energia possiede il vantaggio fondamentale di produrre energia a CO2 neutro, in quanto viene rilasciata solo la parte positiva del monossido di carbonio, che prima di questa scoperta veniva tolto dall’atmosfera.