Titolo VI – “Aiuti per la tutela dell’ambiente” PO FESR FSE PUGLIA 2014-2020

Titolo VI – “Aiuti per la tutela dell’ambiente” PO FESR FSE PUGLIA 2014-2020

Il 20 giugno è stata pubblicata la delibera da parte della Regione Puglia sul Titolo VI che conferma la dotazione finanziaria del bando, pari a 60 Milioni di euro, i cui fondi saranno gestiti da Puglia Sviluppo.

La finalità della misura è quella di agevolare le piccole e medie imprese pugliesi  nella realizzazione, nelle proprie sedi operative, di investimenti finalizzati al miglioramento dell’efficienza energetica anche attraverso l’utilizzo di energia proveniente da fonti rinnovabili per la produzione di energia destinata al solo “autoconsumo” con l’obiettivo di promuovere la riduzione dei consumi e delle correlate emissioni inquinanti.

Non fatevi trovare impreparati, cogliete l’opportunità del “Fondo efficientamento energetico”!!!

Greenergy, azienda con oltre 10 anni di esperienza nel settore delle energie rinnovabili e dell’efficientamento energetico, è il vostro Partner ideale nel supportarvi nella progettazione e realizzazione degli interventi ammissibili previsti nel bando.

Le agevolazioni previste sono erogate nella forma di:

  • Sovvenzioni dirette;
  • Mutui, nella forma del prestito con condivisione del rischio (risk sharing loan).

Sono ammissibili interventi di:

  1. efficienza energetica;
  2. cogenerazione ad alto rendimento;
  3. produzione di energia da fonti rinnovabili fino al limite massimo di 500 kW.

I progetti di investimento devono obbligatoriamente prevedere la tipologia di intervento di cui al punto 1 del precedente comma con un minimo del 2% di risparmio di energia.

 Il bando attualmente è inattivo, ma a seguito della pubblicazione sul BURP della Regione Puglia della sua delibera, presto sarà pubblicata la sua versione definitiva.

I nostri tecnici sapranno dare una risposta a ogni vostra esigenza!!!

Contattateci al nr. 0998441860 o all’indirizzo mail info@greenergyimpianti.it.

Per rimanere sempre aggiornati, seguiteci sui nostri Social.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *