Certificazione Asseverata dei Consumi Ausiliari

Certificazione Asseverata dei Consumi Ausiliari

Vi diciamo una curiosità che forse non tutti sanno!

Sotto particolari condizioni, è possibile richiedere l’esenzione degli oneri di rete dell’energia elettrica prelevata per i servizi ausiliari.

L’articolo 19 dell’Allegato A alla deliberazione ARG/elt 199/11 stabilisce che l’energia elettrica prelevata dalla rete per alimentare i servizi ausiliari di generazione, compresa quella prelevata dagli impianti di pompaggio, non è soggetta ai corrispettivi per l’erogazione dei servizi di trasmissione e di distribuzione. L’Autorità per l’energia ha chiarito che, ai soli fini dell’applicazione della disposizione di cui all’art. 19, per l’identificazione dei Servizi Ausiliari è possibile fare riferimento alla definizione di UNIPEDE (Unione Internazionale dei produttori e distributori di energia elettrica, oggi Eurelectric), utilizzata anche da Terna S.p.A. per la raccolta dei dati statistici del settore elettrico.

Il produttore, per evitare il pagamento dei corrispettivi di distribuzione e trasmissione e dalle componenti A e UC relative agli oneri generali di sistema, deve presentare al proprio distributore una perizia asseverata indipendente, corredata di relazione di massima del progetto di tutta la parte relativa agli ausiliari. Tale perizia deve fare riferimento all’art. 19 commi 1 e 2 dell’allegato A alla del. 199/2011 (TIT), non deve essere rilasciata dal tecnico che ha seguito l’impianto ma da persona estranea e che sia ing./perito iscritti all’albo e deve essere apposto il timbro dell’ing./perito iscritti all’albo, non è retroattiva e il beneficio ha decorrenza da quando la perizia è inviata al distributore.

Tuttavia, le ricadute economiche ci possono essere solo nel caso in cui l’impianto operi in cessione totale e per i servizi ausiliari di centrale sia stato predisposto un pod apposito.

Il regime di ritiro dedicato con cessione totale in rete permette di vendere l’energia prodotta e non prevede autoconsumo. E’, ad esempio, il caso di un grande parco fotovoltaico costruito per generare energia.

Negli altri casi è previsto che la produzione netta incentivabile sia data dalla differenza tra la produzione lorda e l’energia assorbita dai servizi ausiliari al netto, altresì, delle perdite nei trasformatori principali e delle perdite di linea. Si differenziano i “conti energia” fino al quarto, in cui è l’energia prodotta che è incentivata. Però in questo caso i servizi ausiliari sono comunque soddisfatti dall’energia prodotta.

In ogni caso può rappresentare una buona opportunità di risparmio in bolletta.

Contattaci per ulteriori informazioni.

☎️ 099 8441860

📞 3298024207

✉️ commerciale@greenergyimpianti.it